Home / Tecnologia / Tuttogratis Internet / Le nuove tasse stangano anche gli immigrati presenti nel nostro paese

Le nuove tasse stangano anche gli immigrati presenti nel nostro paese

Se il 2012 sarà un anno duro e impegnativo per i cittadini italiani, non si possono utilizzare aggettivi migliori nemmeno per gli immigrati che sono presenti nel nostro paese: i primi mesi di questo nuovo anno saranno infatti piuttosto complicati, dato che anche per loro sarà necessario affrontare la stessa crisi economica e gli stessi rincari dei consumatori, come è giusto che sia, ma anche il peso di un tributo nuovo di zecca che sta già levando il sonno a molte persone.

Si tratta della cosiddetta “tassa sul permesso di soggiorno”, vale a dire l’imposta che grava su questo documento, fondamentale per gli immigrati e che dovrà essere pagata al momento di ogni rinnovo.

Quanto verrà a costare esattamente?

L’importo previsto è compreso tra gli ottanta e i duecento euro, come riportato con precisione da alcune fonti di stampa.

Perché il governo ha deciso di tassare anche i cittadini di altri paesi presenti in Italia?

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

Si potrebbe pensare subito alla famosa equità più volte citata dal presidente del Consiglio Mario Monti, nel senso che proprio tutti sono chiamati a dei sacrifici finanziari importanti; più che altro, però, si può parlare di un ritorno sgradito per gli immigrati, dato che il contributo in questione era stato ipotizzato due anni fa con un’apposita legge; tre mesi fa, poi, gli ex ministri Giulio Tremonti e Roberto Maroni avevano posto la loro firma sul decreto, dunque non si può parlare di un fulmine a ciel sereno.

Le date sono già note da tempo, con il 30 gennaio prossimo che rappresenterà il primo giorno in assoluto per la tassa a cui si sta facendo riferimento.
Le somme da pagare saranno comunque diverse a secondo di quanto si resterà nel Belpaese; in particolare, gli ottanta euro, l’importo più basso in assoluto, verrà richiesto a chi rimarrà nel territorio italiano da tre mesi fino a un anno, salendo poi a cento euro (tra uno e due anni) e concludendo con i duecento euro, la somma necessaria per i soggiorni dalla durata maggiore.

La stangata per gli immigrati è di tutta evidenza se si pensa che queste cifre dovranno essere aggiunte a quelle per il rilascio dello stesso permesso in formato elettronico (oltre ventisette euro). Alcune categorie saranno comunque escluse, vale a dire i minori, coloro che sono in Italia per curarsi, i soggetti che richiedono il permesso per l’asilo oppure la protezione sussidiaria per motivi umanitari.

Continua la lettura dell’articolo su ilJournal.it

Ti potrebbe interessare:

Investire Oggi

Questi fondi, (FCM, in inglese), offrono investimenti simili a quelle dei depositi delle banche commerciali, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.