Home / Economia / FiscaleWeb / L’iter da seguire F24, come bisogna procedere?

L’iter da seguire F24, come bisogna procedere?

codici tributo 300x300 F24: istituito il codice tributo per il bonus ricercaSe n’era parlato qualche tempo fa, tutto è pronto per il credito d’imposta destinato a quelle imprese che finanziano le ricerche universitarie e gli enti pubblici che sono attivi in questo campo: come è noto, tale disposizione è stata prevista in maniera espressa da un recente testo normativo, il Decreto legge 70 del 2011 (“Prime disposizioni urgenti per l’economia”), il quale ha introdotto la novità con un apposito comma. Poi, pochissimi giorni fa è stata la nostra amministrazione finanziaria a rendere note quelle che sono le disposizioni applicative in questo caso. Ora si completa in maniera perfetta l’intero quadro, con un codice tributo che dovrà essere utilizzato da tutti quei contribuenti che andranno a compilare il modello F24.

GUIDA FOREX PER PRINCIPIANTI

www.doveinvestire.com

Scarica la guida tua guida gratuita al trading e agli investimenti online.
Scarica l'ebook ed inizia a fare trading con successo!

In effetti, tale credito può essere utilizzato in compensazione, nei tempi e nelle modalità previste dalle legge ovviamente, e per rendere ciò concreto l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice 6835, con tanto di denominazione piuttosto articolata: “Credito d’imposta per le imprese che finanziano progetti di ricerca in università ovvero enti pubblici di ricerca di cui all’articolo 1 del D.L. 70/2011”.

Come bisogna procedere in tal senso?

L’iter da seguire è sempre lo stesso che si segue quando si ha a che fare con il modello F24: in effetti, quando si compila questo documento fiscale è necessario inserire il codice in questione all’interno della sezione “Erario”, più precisamente nella parte in cui le somme vengono indicate nella colonna “Importi a credito compensati”. C’è di più, nel caso in cui il contribuente coinvolto abbia provveduto al riversamento del credito, allora dovrà far riferimento a un’altra colonna, vale a dire quella denominata “Importi a debito versati”, il caso speculare per l’appunto. In conclusione, bisogna anche ricordare che l’anno di riferimento del modello stesso è stato creato in modo da valorizzare l’anno d’imposta in cui è stato realizzato il credito, il tutto nel formato a quattro cifre.

Continua la lettura dell’articolo su FiscaleWeb

Ti potrebbe interessare:

La nuova guida alle detrazioni fiscali

L’Agenzia delle Entrate italiana ha pubblicato la nuova guida alle detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.