Home / Consigli Utili / Accelerare i tempi del pensionamento riscattando gli anni di laurea

Accelerare i tempi del pensionamento riscattando gli anni di laurea

Con le nuove normative sulle pensioni recentemente introdotte dal governo Monti, il discorso riguardante l’utilità del riscatto degli anni di laurea è un po’ cambiato rispetto al passato. Fino a pochi mesi fa, quando esistevano le pensioni di anzianità, era decisamente opportuno versare rate a copertura degli anni di studio, specie nel caso di neoassunti, con stipendi più bassi da cui dipendevano rate più contenute.

Infatti, secondo le vecchie normative era possibile andare in pensione dopo un determinato numero di anni, pur non avendo raggiunto l’età per la pensione di vecchiaia: in quest’ottica, poter contare gli anni universitari insieme a a quelli di lavoro era senza dubbio conveniente.

IMPARA A FARE TRADING CON SUCCESSO

www.doveinvestire.com

Per te una serie di EBOOK GRATUITI per migliorare il tuo trading.
Accedi alla sezione dedicata e scarica immediatamente le tue guide!

Il riscatto conviene ancora se permette di accelerare i tempi del pensionamento (innalzati dalla riforma Fornero) oppure per far rientrare il contribuente nel novero di chi potrà calcolare la pensione col sistema interamente retributivo, cioè chi potrà vantare almeno 18 anni di versamento di contributi entro il 31 dicembre 1995.

Per tutti gli altri il versamento del riscatto non è di per sé inutile, ma viene ad assumere una valenza più finanziaria che previdenziale. In altri termini, il riscatto ora come ora non velocizzerà l’uscita dal mercato del lavoro, ma verosimilmente aumenterà l’ammontare del vitalizio.

Per chi avesse già iniziato a versare rate del riscatto, esiste la possibilità di interrompere i pagamenti, ma non quella di ottenere il rimborso delle cifre già pagate.

Continua la lettura dell’articolo su Solofinanza.it

Ti potrebbe interessare:

Come gestire le proprie finanze personali

Sei Apposto con le tue Finanze Personali ? La domanda può essere un pò scioccante ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.