Home / Economia / Ferrovie Nord Milano per la valorizzazione del territorio lombardo: cultura, sostenibilità e identità

Ferrovie Nord Milano per la valorizzazione del territorio lombardo: cultura, sostenibilità e identità

Ferrovie Nord Milano punta alla valorizzazione del territorio lombardo e lo fa attraverso cultura, sostenibilità e identità. E’ grazie all’impegno del presidente Andrea Gibelli, che Ferrovie Nord Milano quotidianamente si spende nel promuovere incontri con enti locali, scuole, università, stampa, operatori della mobilità e associazioni per raccogliere le valutazioni degli attori locali sulle attività del gruppo, legate al tema della Sostenibilità e della Responsabilità Sociale d’Impresa.

Andrea Gibelli con poche e semplici parole descrive l’impegno di Ferrovie Nord Milano per la valorizzazione del territorio:

“Accompagniamo giornalmente centinaia di migliaia di cittadini in lungo e in largo per la Lombardia. Da sempre cerchiamo di intercettare i cittadini attraverso iniziative volte alla conoscenza e alla valorizzazione del territorio lombardo”.

Già nel 2014 l’azienda ha avviato un percorso di sostenibilità i cui obiettivi raggiunti sono consultabili nel Bilancio di Sostenibilità (documento che rendiconta le performance raggiunte in ambito economico, sociale e ambientale del Gruppo).
Nel 2016 sono state avviate le attività di definizione del Piano di Sostenibilità 2020. Queste hanno preso in considerazione i 17 Sustainable Development Goals (SDGs) delle Nazioni Unite, come linee guida per supportare la definizione di una strategia di sostenibilità di Gruppo.

L’impegno di Ferrovie Nord Milano si spinge anche verso il culturale e ad ottobre ha promosso un BookCrossing ferroviario a Cesano Maderno e Ceriano Laghetto in collaborazione con la Consulta degli Studenti, Ufficio scolastico, per rendere le stazioni luoghi di scambio di idee e di presenza costante di messaggi positivi, favorendo così la riappropriazione di spazi pubblici e la rivendicazione della funzione di luoghi di servizio.

Sempre ad ottobre, il presidente di FNM Andrea Gibelli insieme al sindaco di Busto Arsizio Emanuele Antonelli, con la firma di un apposito protocollo d’intesa, hanno deciso di attivare una collaborazione sulle tematiche dello sviluppo sostenibile: mobilità urbana condivisa, riqualificazione delle stazioni, soluzioni e modalità di raccolta fondi. L’obiettivo principale è quello di trovare una formula per il car sharing che possa esser più funzionale e condivisa.

Un progetto di mobilità sostenibile che sul bando europeo LIFE Environment & Resource Efficiency, vede Busto Arsizio come sito pilota.
Il programma LIFE è lo strumento finanziario dell’Unione Europea a supporto di progetti relativi all’ambiente e al clima. Il progetto per cui Busto Arsizio è sito pilota riguarda la sperimentazione di un nuovo modello di car sharing destinato a pendolari, enti pubblici e aziende che prevede l’utilizzo condiviso tra questi soggetti di un veicolo elettrico in fasce orarie diverse e compatibili tra loro. Da parte sua, il Comune di Busto Arsizio ha tra le sue priorità lo sviluppo di progettualità di mobilità condivisa, in particolare lungo la tratta ferroviaria Ferrovie Nord Milano, come già avvenuto durante Expo, quando fu istituito un primo servizio di bike sharing e car sharing.

Da citare infine la mostra allestita da Ferrovie Nord Milano nel periodo natalizio alla stazione ferroviaria del Terminal 2 di Milano Malpensa dal nome “La Civiltà di Golasecca – Gli Insubri, primi Celti d’Italia”, che ha visto l’esposizione di reperti archeologici risalenti alla fase formativa della Cultura di Golasecca (XII-X secolo a.C.), rinvenuti durante gli scavi per la realizzazione del collegamento ferroviario tra i due terminal di Malpensa.

L’esposizione è stata resa possibile grazie a un accordo tra il Segretariato Regionale del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Regione Lombardia, Gruppo Ferrovie Nord Milano e SEA. 77 tra oggetti e strutture originali, accompagnati da apparati multimediali che illustrano le origini degli Insubri, primi Celti d’Italia cui si devono, nel corso della successiva età del Ferro, sia lo sviluppo di una rete di contatti commerciali tra il Mediterraneo e l’Europa centrale sia la fondazione di importanti città lombarde a partire da Milano.

Il presidente Ferrovie Nord Milano Andrea Gibelli parla proprio di questa collaborazione in una intervista dicendo:

“Una collaborazione virtuosa avviata con la progettazione dell’infrastruttura ferroviaria e della nuova stazione. Una inedita e grande vetrina espositiva, un elemento di sorpresa e di grande suggestione visiva in un luogo particolare come la stazione ferroviaria del terminal di un aeroporto internazionale. La mostra permette da una parte di valorizzare i reperti a brevissima distanza da dove sono stati scoperti, dall’altra di renderli visibili a centinaia di migliaia di persone 365 giorni all’anno e 24 ore su 24”.

“Un progetto pensato e realizzato in connessione con la rete dei musei e delle aree archeologiche lombarde, è solo una tappa prestigiosa di un cammino che, come Ferrovie Nord Milano, stiamo portando avanti da anni per valorizzare al meglio la nostra “generosa” terra lombarda. Continueremo a promuovere ulteriori iniziative che possano migliorare ed arricchire le coscienze di chi, ogni giorno, viaggia con noi”.

Ferrovie Nord Milano

Ferrovie Nord Milano è il secondo operatore ferroviario italiano che opera nel trasporto pubblico in tutta la Lombardia. Nata per rispondere ai bisogni di mobilità e comunicazione di persone e imprese, Ferrovie Nord Milano è una vera e propria istituzione da sempre attenta al territorio, come dimostrano le molteplici iniziative poste in essere negli ultimi anni per valorizzare la storia, la sostenibilità, la cultura e il dialogo con giovani e istituzioni.

onte immagine dietrolanotizia.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *