Home / Dura la Vita / Come sospendere le rate del mutuo per 12 mesi

Come sospendere le rate del mutuo per 12 mesi

Una delle spese che più incidono sul bilancio familiare mensile, come molti certamente sapranno, è quella relativa al pagamento delle rate del mutuo i cui importi, finiti i tempi dei bassi tassi d’interesse della Banca Centrale Europea, decisione a suo tempo necessaria e fondamentale ai fini della ripresa economica, stanno ricominciando a crescere vertiginosamente.

Le possibili soluzioni, nell’evenienza in cui ci si trovi in uno dei casi succitati, sono davvero molte e differenti, così da incontrare le preferenze della maggior parte dei clienti, e vanno dalla possibilità di saltare una rata a quella di rifinanziare il proprio debito, dalla possibilità di convertire il nostro tasso di interesse da fisso a variabile (e viceversa) a quella di sospendere, addirittura per un anno, l’intero mutuo.

L’ultima delle soluzioni oggi a nostra disposizione, ovverosia la possibilità di sospendere qualsiasi pagamento per un intero anno, era in realtà già stata proposta ai mutuatari, a inizio 2011, in seguito ad uno specifico accordo tra l’ABI, ovverosia l’Associazione Bancaria Italiana, e le 13 più importanti associazioni dei consumatori del CNCU, il Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti del quale fanno parte, tra le altre, l’Adiconsum, l’Adoc, la Federconsumatori e la Confconsumatori.

NEGOZIA CON FOREX & CFD

Spread da 0,5 pips, conto protetto e Demo gratuita.
Inizia fare trading con il Boker Forex più conosciuto

L’iniziativa, purtroppo, ha incontrato una così grande adesione che sarebbe stata prorogata sia a luglio 2011 che a gennaio 2012, dando così l’opportunità alle banche coinvolte di soddisfare, nel miglio modo possibile, le più svariate esigenze di ogni cliente.

Le domande di sospensione delle rate del mutuo per un totale di 12 mensilità consecutive, fatte salve ulteriori proroghe, potranno dunque venir presentate al proprio istituto di credito sino al 31 luglio 2012.

Attenzione, però, ai particolari ed ai requisiti che, purtroppo, potrebbero non consentirci di prendere parte all’iniziativa oppure ancora potrebbero farci scegliere di non farne parte, ovvero:

– non tutti gli istituti di credito italiani avrebbero deciso di sottoscrivere l’accordo vincolante assunto tra ABI e CNCU

– nel corso del periodo di sospensione gli interessi a nostro carico continueranno a crescere

– ci si potrà avvalere della sospensione solamente in caso di mutui di importo totale inferiore ai 150.000 euro e in presenza di ISEE (l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente) inferiore ai 40.000 euro annui.

Continua la lettura dell’articolo su Senza Soldi

Ti potrebbe interessare:

Quale mutuo scegliere per risparmiare?

Fondamentale la scelta della giusta tipologia di mutuo, che deve tenere conto dei costi complessivi dell’operazione e delle clausole contrattuali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *